Formazione e Master

Lavoro 2021: ecco quali sono le professioni più richieste

professioni richieste lavoro
Le ricerche condotte da Assalavoro, Union Camere ed Experis rivelano quali sono le figure più richieste per il 2021

L’arrivo del Covid 19 ha imposto cambiamenti in ambito sociale e culturale delle persone. Si sta assistendo ad una forte spinta dei processi di digitalizzazione che si lega a diversi ambiti: all’istruzione, con la didattica a distanza, ma anche al mondo del lavoro, con lo smartworking, o all’ambito commerciale con l’E-commerce. Fenomeni, quelli citati, che alimentano quel processo di espansione digitale, rendendo necessaria la ricerca di figure professionali sempre più specializzate da inserire in diversi ambiti lavorativi. Le ricerche di Assalavoro, Union Camere ed Experis rivelano quali sono le figure in questione.

In base ai più frequenti annunci di lavoro provenienti dalle piattaforme Linkedin e Trovit, Assolavoro mette in evidenza quali sono le 30 professioni più ricercate del momento, suddivise per categorie. Per quanto riguarda le professioni ad elevata qualifica, al primo posto figurano le professioni legate all’ambito della medicina: infermieri qualificati, tecnici di laboratorio e medici sono nei primi posti dei lavori ad alta qualifica più ricercati del 2021. Cambiando settore, richiestissimi sono i softwarew engineer e Java Software engineer, gli analisi software, i sistemisti, i tecnici di rete e gli Onsite manager, che occupano dal quarto al settimo posto (compresi).

Per la professionalità a media-qualifica, gli OSS (operatori socio-sanitari) occupano il primo posto. Spazio anche agli specialisti amministrativi, ai contabili, agli specialisti del credito, ai responsabili di negozio e consulenti di vendita, che figurano al secondo posto.

Al settimo posto della classifica si posizionano le badanti, davanti al personale di assistenza clienti, call center e addetti helpdesk.

Per quanto riguarda infine i lavori a bassa qualifica, la domanda è rivolta soprattutto alla categoria dei metalmeccanici specializzati e turnisti, seguiti da carpentieri e muratori e, al decimo posto, spuntano anche corrieri/autisti.

Secondo Union Camere, le professioni più richieste sono cinque e sono ben distribuite in tutti i settori. La prima interessa il settore della programmazione e dello sviluppo, configuratosi come l’ambito lavorativo più dinamico degli ultimi tempi, con il digitale che ha sempre più acquisito un ruolo strategico in tutte le aziende. Si presenta come figura professionale fortemente richiesta il Developer, l’ingegnere informatico impegnato nella progettazione, sviluppo e gestione di siti internet e app, supportando così il percorso di Digital Transformation che tutte le imprese stanno affrontando.

In seconda posizione c’è il Web Marketing Specialist, il quale realizza la presenza online delle aziende, assumendo un ruolo strategico sempre più decisivo. Spazio all’HR Specialist, impegnato nella ricerca, selezione e gestione del personale. In quarta posizione ci sono le figure professionali che assicurano la qualità e il controllo nella grande distribuzione e in quinta le professioni legate alla sicurezza digitale come AI Specialist, Data Protection Officer, Big Data Analyst.

Le ricerche di Experis invece si sono focalizzate sulle professioni più richieste nell’ambito tech nel 2021. Si tratta di figure professionali diventate essenziali per la transizione tecnologica delle imprese e che, proprio per le loro competenze fortemente speciialistiche, possono percepire stipendi molto alti. Si tratta dei developer, machine learning specialist, cloud architect, cyber security manager, data scientist/data analyst, e system administrator, molto richiesti dai comparti dei servizi, della finanza, delle telecomunicazioni, della pharma e della sanità.

Dalla ricerca emerge che chi assume cerca competenze quali flessibilità, abilità in ambito comunicativo, capacità di lavorare in team, problem solving e gestione dello stress. E, ora più che mai, un forte incremento nell’utilizzo di piattaforme di videoconferenza per facilitare l’adozione dello smart working.

 

About the author

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.